martedì 11 maggio 2010

scottish miscellany

- Gli immancabili doppi rubinetti, uno per l'acqua calda e uno per l'acqua fredda, distantissimi fra loro...
- Gli orari impossibili delle cucine nei pub/ristoranti
- I semafori dove il giallo ti avverte, oltre che del verde che sta per diventare rosso, anche del rosso che sta per diventare verde
- I copriteiera imbottiti e colorati
- La conservatory: praticamente una stanza vetrata in più, che si prolunga nel giardino
- La full Scottish Breakfast (e così ci toglievamo il problema di far pranzo...)
- Il porridge a colazione (bleah..!)
- Le mucche delle Highlands, rossiccie e capellone
- Il tempo mutevolissimo!
- I pulman a due piani, dove il biglietto si paga all'autista
- Le abat-jour dove l'interruttore è attaccato alla lampadina rovente
- Le squisite marmellate di ginger e rhubarb
- L'haggis
- Lo short-bread
- I charity shops che vendono articoli usati
- Gli infiniti castelli, palazzi e ruderi vari...
- Le storie di fantasmi
- Il tartan
- La tragica vita di Mary Stuart
- Il caos e il colore delle strade di Edinburgo invasa dagli artisti di strada
- Tutti i posti dove si ritiene che Bonnie Prince Charlie debba aver dormito!
- La pioggerellina costante
- Il verde dell'erba, dei prati, dei boschi, in migliaia di sfumature
...e tanto altro ancora...

2 commenti:

  1. nostalgia nostalgia canaglia....

    RispondiElimina
  2. Touchée ;-) ma te alla fine ci vai a giugno?

    RispondiElimina